A SLOW FISH.

Che emozione, l’incontro con il re dello sushi, il giapponese Toshihiko Watanabe.

Si chiama Toshihiko Watanabe, un nome che anche a voi forse non dirà nulla. Ma dopo averlo conosciuto e visto all’opera e ammirato la sua manualità, l’alto livello della sua tecnica e, soprattutto, assaggiato il suo sushi e il suo sashimi, ci siamo ricreduti.
Abbiamo incontrato Toshihiko Watanabe, chef della Sushi-iwa di Tokio, a Slow Fish, il salone del pesce sostenibile di Genova, e per noi del Polpo Mario che da vent’anni prepariamo piatti d’ispirazione e interpretazione sushi per raggiungere un equilibrio tra gli alimenti Yin e Yang.
Una lettura e un’interpretazione di gusti e sapori differenti e che al tempo stesso sanno creare e amalgamano quelli dell’Oriente con i sapori e gli aromi della cucina occidentale, ligure, soprattutto.

Qualche esempio. Già i nostri nonni mangiavano i bianchetti crudi, le seppioline, gli “spunciacurrente”, i gamberetti, le acciughe col limone, le patelle, i muscoli e i ricci.
Personalmente con i miei chef, ho aggiunto a questo elenco il carpaccio di tonno e la tartare di pesce bianco, gli scampi e i gamberi freschissimi accompagnati dalle alghe fritte.

L’incontro alla Fiera Internazionale di Genova con Toshihiko Watanabe, che ho invitato a Sestri Levante, è stato per me a dir poco emozionante.
Con lui abbiamo parlato a lungo delle nostre rispettive cucine, così diverse eppure così vicine.
Memorabile lo special sushi che Toshihiko ci ha preparato prima di salutarci.

COndividi questo articolo

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email